La leadership è salva

In concomitanza con la fine del primo decennio e l’inizio del secondo del XXI secolo, la guida economica e finanziaria è saldamente nelle mani del vecchio leader – gli Stati Uniti, fig. 1 – e del nuovo leader – la Cina, fig. 2. La ripresa, in atto con tassi di crescita intorno al 4% per gli Usa e intorno al 9% per la Cina conferma, la predominanza delle due economie a livello globale, anche sé accompagnata da una tendenziale debolezza delle rispettive monete, propedeutica all’attuale contesto macro-economico e perseguita con chiarezza di intenti e obiettivi sia dalla Federal Reserve che dal governo cinese.

I LEADER

senza-titolo-1-copia

Fig. 1 S&P 500 giornaliero al 04/03/2011 

eee

Fig. 2 Shanghai Composite giornaliero al 04/03/2011 

Le borse dei Paesi Emergenti – fig. da 4 a 8 – in correzione dalla fine del 2010, risentono della restrizione monetaria, attuata con ripetuti rialzi di tassi di interesse, dalle rispettive Banche centrali, per fronteggiare un’inflazione in ripresa dovuta agli aumenti sui generi alimentari, conseguenza delle forti impennate sulle commodities agricole, conseguenza della forte domanda proveniente da questi stessi Paesi e da fattori ambientali. La consapevolezza che su queste economie è in atto un movimento secolare di crescita, confermato ormai dalla maturità acquisita dalle autorità monetarie e politiche, ci induce a pensare che l’attuale fase delle quotazioni di borsa è una mera correzione che ritroverà forza e vigore tra la tarda primavera e l’estate, con le economie in piena e sostenuta crescita.

senza-titolo-2-copia

senza-titolo-3-copia

senza-titolo-4-copia

senza-titolo-5-copia

L’economia della vecchia Europa è al traino tra conflitti, contraddizioni e presunti default, con una moneta forte, conseguenza delle fobie inflazionistiche della Banca Centrale Europea, che mette pressione sui tassi di interesse. I Paesi dell’area periferica, nonostante tutto, tendenzialmente registrano reazioni positive anche a notizie negative, segno di un potenziale bottom sia di mercato che delle economie.

senza-titolo-6-copia

senza-titolo-7-copia

senza-titolo-8-copia

Dulcis in fundo… L’andamento della Advance/Decline Line sul mercato americano, ha registrato un nuovo massimo il 3 marzo 2011- fig. 23 – segnalandoci in maniera forte e chiara che il top è di là da venire. Così è (se vi pare)!

senza-titolo-9-copia

Fig. 23 Advance/Decline Line 

 

ANALISI TREND E STATI DI MERCATO 

L’Advance/Decline Line registra un nuovo massimo e segnala che l’attuale fase è di mera correzione ed è una buona Buying Opportunity.

La BCE complica il quadro mettendo pressione a tutta l’area ma l’attuale momentum positivo avrà il sopravvento allinenandosi ai mercati americani.

La correzione con connotazioni diverse da paese a paese è comunque in atto, più marcata sull’Omxs in linea sul Londra.

Il mercato svizzero soffre il franco.

Situazione variegata nei Bric con il mercato russo sui massimi, il Brasile che ha ripreso il trend Up e l’India che seguirà a ruota. La Cina ha ripreso la leadership degli emergenti ed è pronta ad attaccare il livello di 3200 punti, consegnandoci per la tarda primavera i nuovi massimi.

L’area è pronta a ripartire. I leader sono già in movimento.

Ogni commento è vano, quanto suggerito negli scorsi report è realtà: silver e oro nuovi massimi, petrolio – anche se hanno influito fattori esterni – nuovi massimi, indice crb sui massimi.

Dollar index in prossimità dei minimi del novembre scorso, specularmene l’euro è sui massimi. I target indicati sono stati raggiunti o quasi, prepararsi ad un eventuale movimento di correzione.

Bond, Atteggiamento invariato neutrale sulla parte lunga della curva.

La bce mette pressione per raggiungere un duplice obiettivo: chiarezza nei meccanismi dell’unione c.d. salva stati e disciplina fiscale, ma l’anemica crescita con riassorbimento dei fattori esogeni lagati all’inflazione – quotazioni del petrolio – freneranno l’azione dei maniaci di Francoforte. Tassi stabili in Usa e Giappone.

Elaborazione e Analisi Ufficio Studi RUFFO & Partners S.R.L.

Via Via F.Crispi 1, Campobasso – 86100 Campobasso

Tel. 0874.418.192     Fax 0874 315364     e-mail: info@ruffospa.com     www.ruffospa.com

LASCIA UNA RISPOSTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.